MOG ARCHITETTI di Arch. Leonardo Michieletto è uno studio di architettura di Noale, Italia.
Cortina d'Ampezzo - Italia

Senior City Cortina d'Ampezzo

Con riccardo naletto
V1
MOG ARCHITETTI di Arch. Leonardo Michieletto

La proposta progettuale nasce dall’analisi di alcuni aspetti principali quali l’area di intervento, la sua morfologia, lo studio della tipologia residenziale del luogo e dei sistemi insediativi di aggregazione. In primo luogo si è deciso di prendere in considerazione l’esposizione e la morfologia del lotto di intervento al fine di poter sfruttare al meglio il soleggiamento e di godere della vista panoramica. Si è poi dovuto considerare la necessità di differenziare l’intervento dall’attuale edificio posto a nord, al fine di non duplicare l’effetto agglomerato già presente. Al contrario il progetto del nuovo insediamento dovrà valorizzare il sito proponendo un effetto di mitigazione sia sul piano compositivo che sul piano architettonico e scenico. L’idea fondamentale nasce dall’esigenza di ricostituire il carattere insediativo mediante l’aggregazione di elementi che richiamino una tipologia locale anche solamente dal punto di vista dell’archetipo e dello schema essenziale. Il progetto si sviluppa in seguito ad uno studio delle tipologie insediative montane, con particolare riferimento a quelle ampezzane, cercando di estrapolare le regole che ne definiscono l'assetto morfologico e la composizione tipologica. Emerge così il nucleo insediativo della borgata: un agglomerato di insediamenti a disposizione apparentemente caotica, ma da una lettura attenta si rilevano delle regole dovute alla pendenza del declivio, all'esposizione solare e alle possibilità costruttive dei materiali locali. L'azione compositiva mira quindi a ricreare un idea di borgo montano attraverso lo studio di moduli abitativi che definiscono, attraverso le loro relazioni reciproche, gli spazi aperti e collettivi del progetto. Si prevede pertanto la realizzazione di un primo elemento compositivo costituito da una grande piastra funzionale posta al livello di accesso, la quale, fungendo da basamento per l’intero complesso, sarà parzialmente incassata nel pendio dell’area di intervento, al fine di nascondere una parte del volume, e far emergere solo il prospetto principale che affaccia verso la vallata. Il secondo elemento compositivo sarà invece caratterizzato dalla presenza di tre grandi volumi (ognuno dei quali suddiviso in 10 alloggi) che saranno collocati sopra il basamento descritto sopra. Questi elementi saranno uguali, ma allo stesso tempo autonomi e orientati in modo diverso. Tale schema nasce da un preciso riferimento scaturito dall’analisi insediativa degli aggregati urbani locali. L’idea è quella di richiamare un piccolo borgo autonomo, caratterizzato da una piazza – corte che funge da perno distributivo e organizzativo interno dei tre corpi di fabbrica che al contempo ne definiscono la forma.I tre blocchi richiamano le grandi abitazioni tipiche della zona, presentando una chiusura del volume determinata da una copertura con tipologia a capanna. Tali volumi presenteranno una doppia pelle: uno strato più interno coincidente con la facciata del muro perimetrale, ed uno più leggero, esterno, che rivestirà l’intero edificio facendo risaltare l’effetto chiaroscurale che si pone in contrasto con le superfici lineari e piene della parte del basamento sottostante. La pelle esterna proseguirà oltre il limite della copertura piana chiudendo il volume con due leggere falde inclinate.Le facciate saranno inoltre arricchite dalla presenza di ballatoi disposti lungo il perimetro, i quali, scostando la pelle esterna dalla muratura perimetrale più interna, avranno la duplice funzione di realizzare un gioco di chiaro scuro e al contempo di schermare gli alloggi, garantendo agli stessi sia la protezione dai diversi agenti atmosferici sia la necessaria riservatezza richiesta per le funzioni abitative. La copertura degli elementi principali, presenterà una superficie piana accessibile dal vano scala interno. Tale superficie sarà schermata dalla struttura leggera descritta in precedenza che si presenterà quale prosecuzione della pelle di rivestimento esterna.

P0
MOG ARCHITETTI di Arch. Leonardo Michieletto

Sez
MOG ARCHITETTI di Arch. Leonardo Michieletto
Ptipo
MOG ARCHITETTI di Arch. Leonardo Michieletto
Schema
MOG ARCHITETTI di Arch. Leonardo Michieletto
Plan
MOG ARCHITETTI di Arch. Leonardo Michieletto