Marco Toffol è uno studio di architettura di Fiera di Primiero, Italia.
Imer - Italia

Riqualificazione della Piazza ex-Municipio di Imer (TN)

A colori dalla casa di fronte
Marco Toffol

Lo slargo, situato a lato del vecchio edificio che ospitava il municipio fino a non molto tempo addietro, risente di alcune particolarità che ne rendono difficile, o almeno, piacevole la fruizione. Il concetto alla base della progettazione è quello della “riappriopriazione” da parte del pedone dello spazio pubblico, che sottintende una regolamentazione più rigida del traffico veicolare che, complice la presenza di via Marconi, che interseca perpendicolarmente la piazza, interferisce da vicino con i percorsi pedonali. A sottolineare la situazione attuale di sudditanza del pedone nei confronti dei veicoli, la pavimentazione del marciapiede lungo il ciglio a monte della statale si interrompe quando incrocia via Marconi per riprendere più oltre; questa concezione sarà ovviamente invertita nel momento in cui la Piazza con i suoi spazi di sosta, di riposo, di silenzio, avrà il sopravvento sul disordine dato da un traffico indiscriminato e non regolamentato. La piazza, nel disegno geometrico delle pavimentazioni in pietra, accorpa il tracciato stradale creando uno spazio unico che, nella quotidianità, fungerà da dissuasore per il traffico veicolare, mentre in occasione di particolari eventi che prevedono la chiusura della strada, verrà utilizzato appieno dal pubblico. Le aumentate occasioni di intrattenimento dell'ospite troveranno qui uno dei luoghi dedicati. La piazza viene totalmente ridisegnata tramite un intreccio molto geometrico di pietre ricadenti anche in questo caso sulla via nazionale. Una figura geometrica circolare metterà in risalto il capitello del Salesà, con una serie di cerchi concentrici che conducano l’occhio del passante ad ammirare questo elemento della devozione popolare di altri tempi, oggi troppo trascurato da un frettoloso passaggio in automobile. Le pavimentazioni richiameranno motivi geometrici classici e lineari, con materiali lapidei della tradizione (porfido e granito). La piazza sarà realizzata con quadroni in porfido grigio a coste segate con fasce in granito della val di Genova (tonalite) che formeranno dei riquadri regolari nel tratto di slargo e delle fasce circolari che cingeranno il capitello allargandosi verso la piazza. I tratti di strada su via Marconi e sulla parte delimitata dalle fasce circolari saranno pavimentati in cubetti di porfido della pezzatura 8/10. Verrà prevista, all’interno del disegno geometrico delle pavimentazioni, una piccola area a verde, arricchita da piantumazioni a basso fusto. Verrà rimossa l'attuale bacheca in legno posta accanto alla statale e verrà posizionata una nuova bacheca addossata all'edificio accanto allo slargo verso est. Accanto all'edificio del ex-Municipio sarà realizzata una fontana in granito, con un'ampia seduta che la corona e una piccola area a verde: il tutto riqualificherà un'area marginale e molto ombreggiata, creando un momento di sosta piacevole all'uscita dal portico dell'edificio. L’ingresso allo slargo dovrà dare tendenzialmente una percezione di piacere ed invitare alla sosta ed alla contemplazione; la presenza degli autoveicoli sarà temporanea e limitata in termini di velocità da opportune opere di dissuasione compatibili con le normative in vigore. Il verde, il legno e la pietra saranno elementi di richiamo alla antica essenza ed anima del paese testimoniata dai sempre più rari esempi architettonici sparsi nell’abitato.

A colori verso capitello
Marco Toffol

A colori dalla fontana
Marco Toffol
A colori bassa da ovest
Marco Toffol
A colori alta da via marconi
Marco Toffol
A colori alta da casa ennio
Marco Toffol
A colori da est
Marco Toffol