Spacelab Architects - Luca Silenzi è uno studio di architettura di Fermo, Italia.
Milano - Italia

Less

Progetto di un natante a vela di 15m LFT. Progetto quarto classificato gara internazionale di progettazione "Vela e Motore" 1999.

1453713769
Spacelab Architects - Luca Silenzi

Progetto quarto classificato al concorso "Due barche da sognare" bandito dalla rivista "Vela e Motore" nell'ottobre 1999. Progetto esposto al pubblico in occasione del Salone Nautico di Genova 1999.

1544310648
Spacelab Architects - Luca Silenzi

Dalla relazione di progetto

238475971
Spacelab Architects - Luca Silenzi

"Less is More" (Ludwig Mies van der Rohe)

1856513734
Spacelab Architects - Luca Silenzi

Una forma coerente, concentrata sull'essenziale.

1194822869
Spacelab Architects - Luca Silenzi

Il sobrio piano di copertura, privo di qualsiasi superfetazione, caratterizzato dall'ampia luce in policarbonato brunito incastonata a filo della resina e completamente apribile per ottimizzare il ricambio d'aria, permette una percorribilità molto più sicura, oltre che aggiungere eleganza e fluidità al layout della barca.

Contribuiscono a tale effetto le scotte a scomparsa, alloggiate sottocoperta, che fuoriescono solo in prossimità dei winch di manovra.

Il fulcro del progetto è l'ampio pozzetto rettangolare, vero cuore funzionale della vita a bordo, perfettamente integrato nelle linee-guida del bolzone. La parte centrale del paiolato, costituito da doghe a giunti aperti, può essere facilmente estratta a varie altezze e trasformata in un comodo tavolo da pranzo per sei persone o in capiente chaise-longue per prendere il sole.

La soluzione del timone a doppia ruota, oltre che rendere molto semplice la manovra dalle panche laterali anche a barca sbandata, permette l'alloggiamento di un tender nella poppa aperta. Le vele sono del tipo 3DL, stampate in un unico pezzo.

Per l'ingresso sottocoperta il classico tambuccio è stato sostituito con una originale soluzione a portellone unico in resina rinforzata con scala integrata, resistente per forma, che consente l'accesso al livello inferiore in un'unica mossa: aperto, diventa scala.

Grande attenzione è stata riservata al disegno dello spazio interno, per il quale sono state previste due versioni, ognuna rivolta ad un particolare bacino di utenza: una più "tradizionale" nella distribuzione funzionale con tre camere doppie, che prevede il massello di teak birmano per il paiolato interno e per le doghe del pozzetto; una seconda più "spinta" - caratterizzata dalle doghe in alluminio per il pozzetto e dal paiolato in stratificato HPL con finitura alluminio, con antisdrucciolo in gomma nera, così come dalle sacche porta-abiti in Cordura al posto degli armadi - risolta con un libero open space e un'unica camera armatoriale.

In entrambi i casi l'estetica della resina a vista, abbinata a materiali raffinati ed approfondita nelle sue potenzialità espressive, ha informato tutti gli arredi e le partizioni fisse, utilizzati in luogo delle tradizionali paratìe (cellular framing system).

Fermo, settembre 1999

The design work based on few basic concepts: elimination of any unnecessary component, optimisation of deck space, simplified production process, maximum detail accuracy.

The clarity of this program directly led us to a minimal formal approach: so was born a dry and bold design, combining functionality, easiness and performance, ensuring in the same time habitableness and comfort of a 50fts sailboat.

"Less" design is a well distinguished fast-cruiser, with pure, clear flush-deck layout rich in sophisticated solutions, but without any form of ostentation: in this way, we wanted overall putting in evidence coherence between functional/constructive approach and formal issue, coherence still not much common in actual naval production.