Luca Coraggio è uno studio di architettura di Salerno, Italia.
dalmine - Italia

piega

Con Mario G.s. Giudice, Olga Guglielminetti, Simona Pellegrino

Progetto di riqualificazione di Piazza VITTORIO

Tav 02
Luca Coraggio

… si erge il mondo, si origina il tempo, si genera, dunque, la vita. La proposta di riqualificazione della piazza Vittorio Emanuele II° muove dalla necessità di creare uno spazio di relazione su di un'area il più possibile omogenea recuperando il valore di tutto il patrimonio edilizio esistente e al contempo assicurando l'attraversamento carrabile lungo le attuali direttrici. Particolare attenzione è stata data alla previsione e razionalizzazione delle aree da destinare a parcheggio sia lungo le direttrici principali sia parzialmente a tergo della zona destinata a piazza vera e propria. Quest'ultima è stata concepita come una superficie da dilatare e tale da creare dei "flussi" lungo tutto lo spazio piano in modo dinamico e flessibile. Nell'insieme il progetto di riqualificazione intende promuovere un processo di costruzione del luogo tutt'altro che statico; esplode il concetto di “piazza” così come storicamente inteso: il suolo si muove e riconquista la superficie libera negata alzandosi nelle tre dimensioni e, piegandosi, segue il movimento, la materia, i "leggeri volumi di pietra" attraverso la naturalità delle sagome e degli elementi d'arredo, le piccole zone verdi destinate ad accogliere le altrettanti piccole alberature, i camminamenti che giammai segnano né, ancor meno, generano percorsi scontati. Persino la previsione, assolutamente voluta, di alcuni parcheggi contrapposti ma integrati alle forme dinamiche dei "leggeri volumi di pietra", risponde alla logica contrapposizione della sosta al movimento, del compatto al diradato, della statica alla dinamica, del naturale all'artificiale: ecco, allora, la pavimentazione in pietra che si contrappone agli elementi in cemento bianco ed all'acciaio corten, ecco allora la superficie nascere pavimentazione e diventare elemento di arredo. Questo, dunque, il principio: la contrapposizione degli elementi come dell'uso naturale piuttosto che artificiale o artificioso dello spazio e, quindi, del luogo. Il monumento posto al centro dell'area di intervento viene, di fatto, avvolto e protetto dalle nuove forme al fine di esaltarne il significato e la memoria. Ad ogni "piega" viene assegnata un'azione e quindi una precisa responsabilità che nel continuo alternarsi di ruoli ed azioni determina ciò che è funzione. Ogni "piega" è percorso, è seduta, è illuminazione, è prato ed albero, è muro, è confine invalicabile. … Ma sedendo e mirando, interminati Spazi di là da quella, e sovrumani Silenzi, e profondissima quiete Io nel pensier mi fingo; …. (G. Leopardi- "L'infinito")

Tav 04
Luca Coraggio

06
Luca Coraggio
10 copia
Luca Coraggio
Schizzo copia
Luca Coraggio
Tav 03
Luca Coraggio
Tav 01
Luca Coraggio