Luca Coraggio è uno studio di architettura di Salerno, Italia.
salerno - Italia

Sistemazione Piazza e Parcheggi in Via Robertelli

Con Simona Pellegrino

project financing - capitolo UNO

  1. LA DESCRIZIONE DELL'INTERVENTO 1.1. LO STATO DEI LUOGHI Nel quartiere di Torrione, in una porzione del tessuto urbano caratterizzata da un' intensiva edificazione, si distende l'area di interesse. L'emergenza funzionale del sito è rappresentata dal mercato rionale che, prevalentemente di mattina, attira un vasto bacino di utenti dal quartiere stesso e da porzioni di territorio vicine. L'accesso è sostanzialmente consentito dalla via Robertelli che, a senso unico di marcia ed unica corsia, svolge sia funzione di servizio al mercato, sia di penetrazione urbana. Le condizioni di conflittualità determinano ripercussioni in un più vasto ambito, in contrasto con la destinazione prevalentemente residenziale del quartiere. 1.2. L'AREA L’area oggetto dell’intervento è una vasta superficie libera di circa 12.000 mq, cinta su tre lati da edifici a destinazione residenziale e sul quarto lato dalla scuola media Quagliariello. Ospita per la maggior porzione il mercato scoperto, consentendo sulla restante aliquota una destinazione a parcheggio. Quest’ultimo è utilizzato sia dagli utenti del mercato che dai residenti e, pertanto, nelle ore del mattino è sistematicamente saturo. Sull’area mercatale vi sono due piccoli volumi, uno destinato ai servizi igienici e l’altro alle attività di ristoro (bar). Sul fronte opposto, prospiciente via Robertelli, opera un'edicola, in linea con un'alberatura di piante da piccolo fusto che segna il confine lungo la strada. 1.3. IL PROGETTO 1.3.1 Gli obiettivi funzionali Gli obiettivi prioritari posti a fondamento delle scelte progettuali derivando dall’esigenza di offrire al quartiere di Torrione un'area polifunzionale ben organizzata e disciplinata con potenzialità di destinazione polivalente, dotata di proporzionati spazi e servizi da destinare alle diverse attività, un sistema di viabilità semplice ed efficace e un numero di parcheggi commisurati alle necessità. Lo studio e le osservazioni condotte su di un'area più vasta di quella oggetto dell’intervento hanno prepotentemente determinato l'importanza che riveste il buon funzionamento della viabilità e dei parcheggi dei veicoli, per l'entità di flussi veicolari in correlazione con le attività mercatali. L'intervento offre altresì l'irrinunciabile opportunità di soddisfare, compatibilmente con le risorse e la compatibilità delle destinazioni, l'esigenza di servizi sociali, assistenziali e direzionali, tanto attesi dai cittadini che anelano ad una riqualificazione e diversificazione delle funzioni presenti nel quartiere. La sfida progettuale è stata colta insediando attività commerciali e direzionali pensando ad una logistica che rendesse compatibili le diverse funzioni. Ulteriore occasione è offerta dalla possibilità di potenziare ed adeguare la dotazione di standard urbanistici, prevalentemente destinati a parcheggio, sia pubblico che privato. Non da ultimo, lo studio di fattibilità ha mostrato che l'elemento propulsore ed ispiratore dell'intero intervento deve essere la minimizzazione degli impatti derivanti dall'insediamento di una vasta area mercatale all'interno di un territorio densamente edificato ed abitato. Il brano di città preso in esame, come, del resto, anche il territorio urbano circostante, soffre della scarsa dotazione di standard urbanistici, ovvero di servizi quali parcheggi, strade, interscambi modali con le reti di trasporto pubblico, piazze e zone destinate a verde. In altre parole, il quartiere Torrione, così densamente popolato, risulta carente dei servizi che mirano al mantenimento di adeguati livelli di qualità della vita dei residenti all’interno del tessuto urbano. Il progetto di una struttura polifunzionale vuole essere un’occasione di dotare, almeno quel pezzo di città, di una serie di servizi pubblici di cui i cittadini necessitano. In sintesi, gli obiettivi delineati individuano altrettanti blocchi funzionali con i relativi interventi di progetto:
  2. area mercatale: pavimentazione, copertura e servizi all'attività;
  3. edificio polifunzionale: esercizi commerciali, servizi igienici ed assistenziali, attività amministrative e direzionali;
  4. standard: parcheggi pubblici e privati e rivisitazione del sistema dei flussi veicolari. 1.3.2 Gli obiettivi formali Da un punto di vista formale gli involucri progettati sono estremamente lineari, rigorosi e razionali in un momento in cui l’architettura è solo urlata si vuole sussurrare una parola semplice ma chiara. La qualità dell’intervento dovrà assicurare al contempo lo svolgimento di funzioni pubbliche e private ed essere occasione di un modello di architettura chiaro e non invasivo. 1.4. GLI ELEMENTI DELL'INTERVENTO 1.4.1 L'area mercatale Partendo dai dati dimensionali iniziali sopra specificati il progetto si pone l’obbiettivo di realizzare una struttura polifunzionale per lo svolgimento sia del mercato al coperto e sia di altri eventi pubblici di varia natura come mostre, manifestazioni fieristiche, ricreative, musicali, ecc.. Una serie di pilastri circolari disposti con una maglia quadrata 12x12 m e un sistema di travi reticolari, ad un altezza dal suolo di circa 6.00 m, in parte in cemento armato ed in parte in legno lamellare formano l’ossatura della copertura. Quest’ultima attraverso un sistema di frangi sole assicurerà un completo controllo climatico dell’intera area ed una perfetta tenuta all’acqua. Lungo Via Robertelli, sarà disposto un filare di alberi che penetra all’interno della copertura così come sul lato opposto lungo il muro di confine con la scuola media Quagliariello. L’alberatura avrà la funzione di creare una separazione tra le diverse aree e cioè tra la via pubblica e l’area coperta appartenente alla struttura polivalente. La copertura mira ad incidere significativamente su una rosa di più esigenze: ─ la protezione dagli agenti atmosferici per l'utilizzabilità dell'area in condizioni meteorologiche avverse ed un adeguato livello di comfort a favore di cittadini, commercianti ed operatori di servizio; ─ il mantenimento di confortevoli condizioni microbioclimatiche che si formano al di sotto della copertura, controllate in modo passivo ed attivo: l'effetto ombreggiante determinato dall'orditura lignea intercetta l'irraggiamento solare senza precludere la vista verso l'alto, in modo da non determinare sensazioni oppressive; l'innalzamento della temperatura per effetto serra viene compensato dai sistemi automatici di espulsione dell'aria calda favorendo i moti convettivi verso le geometrie di ventilazione naturale; ─ un ostacolo alla propagazione sonora derivante dalla attività di allestimento e vendita, annullando fenomeni di riverbero sonoro e garantendo l'intelleggibilità della parola ad opera della geometria superficiale della facciata inferiore che diffrange i raggi sonori. A servizio delle attività commerciali la struttura modulare della copertura riorganizza gli spazi destinati ai commercianti, salvaguardando il numero di possibili espositori a tutto vantaggio della varietà qualitativa, della differenziazione merceologica e del mantenimento di condizioni virtuose di regime di concorrenza grazie alla differente opportunità di acquisto. Sul fronte della mitigazione degli impatti derivanti dalla presenza del mercato lo studio di fattibilità ha portato alla necessità di individuare sistemi e tecnologie per una gestione dei rifiuti compatibile con gli insediamenti residenziali. In posizione adeguata, lungo il fronte di via Robertelli, la realizzazione di piazzole ecologiche accolgono e disciplinano le attuali modalità di deposito e di raccolta municipale. I cassonetti sono collocati in interrato, a quota coincidente con il primo livello, mentre in superficie restano evidenti solo le colonnine di conferimento, facilmente ed evidentemente specializzabili sulla tipologia di rifiuto. La piattaforma di alloggiamento dei cassonetti, meccanicamente autosollevante a quota strada, resta accessibile ai mezzi di raccolta. 1.4.2 L'edificio polifunzionale Sul margine posteriore dell'area si colloca l'edificio polifunzionale, caratterizzato da una geometria che formalmente si armonizza con la caratteristica di distensione dell'area. Il volume è basso, semplice nelle forme e proporzionato al lato della copertura. Su due livelli, fa da sfondo alla copertura, diventa filtro tra le diverse funzioni che s’intende assegnare agli spazi. All’interno saranno assicurate molteplici attività, da quelle di gestione e servizio dell’area mercatale e/o fieristica a quelle di servizio pubblico Al piano terra trovano opportunità di insediamento: ─ i servizi igienici pubblici, rendendo possibile una prestazione per la pulizia degli stessi e l'adeguamento alle norme a garanzia dei portatori di handicap. ─ i ristori, le attività commerciali che non possono essere destinate al canale degli ambulanti (edicole, farmacie, prodotti deteriorabili, sportello bancomat ecc.). Possono attivarsi rapporti con cooperative di lavoro giovanile che volessero rendersi promotori di servizi quali una nursery, destinata ad ospitare i bambini consentendo ai genitori la visita al mercato in condizioni agevoli; un servizio di assistenza agli acquirenti, in particolar modo se anziani, con opportunità di deposito bagagli, consegna a domicilio, ordine telefonico degli acquisti, utilizzo di carrelli. Dette iniziative potrebbero incontrare l’interesse di cooperative di lavoro che, a fronte di una prestazione di utilità pubblica a tariffe convenute, possono convenire con l’Amministrazione di riservarsi l’uso privato delle strutture al di fuori degli orari di mercato. ─ una potenziale postazione per gli agenti di polizia municipale Al piano superiore gli spazi accolgono le opportunità di sviluppo direzionale, attivano i servizi di supporto all'area commerciale, al fine di diversificare gli utilizzi dell'area e di qualificare i settori merceologici. Ad esempio, sull'area mercatale può essere ospitata la fiera dell'antiquariato, spontaneamente nata, in condizioni di adeguata protezione della merce, con possibilità di servizio di sorveglianza nell'edificio, uffici amministrativi per le prenotazioni, i punti di informazione, la contrattazione. In tal modo la funzione direzionale accompagna e sostiene le possibilità di sviluppo dell'area mercatale, consente di ospitare fiere, mostre itineranti e feste tradizionali nelle ore in cui non opera il mercato. Si raccoglie la sfida di qualificare le manifestazioni affinché non permangano nella limitativa dimensione di un mercato ma possano anche divenire opportunità di incontro, pianificazione ed accordo commerciale, di più ampio respiro, favorendo la qualificazione dei prodotti e la specializzazione dei settori. 1.4.3 I parcheggi e la viabilità La carente dotazione di parcheggi viene potenziata con strutture a raso, sia in superficie che in interrato, ed autorimesse private. In interrato, al di sotto dell’area mercatale e dell'edificio polifunzionale s’intende realizzare un parcheggio composto da stalli e box, in parte su un solo livello ed in parte minore su due livelli. Il parcheggio interrato consente una potenzialità di circa 320 box auto di cui circa 230 al primo livello e circa 90 al secondo livello interrato. Il parcheggio a raso è distribuito su due livelli: in superficie per circa 2200 m2 ed in interrato per circa ulteriori dell'ordine di 2400 m2 per un totale di circa 4600 m2. I parcheggio a raso, interrato ed in superficie esterna, assicurano la richiesta per la struttura polifunzionale. La viabilità dei parcheggi privati (box) è distinta da quella destinata al pubblico ed ha un senso di circolazione obbligatorio al fine di evitare intersezioni e rallentamenti dei sensi di marcia. Attraverso una viabilità dedicata e conformata secondo un anello che circonda l’insediamento, si potranno raggiungere gli spazi a parcheggio, in gran parte nascosti alla vista degli utenti che accedono all’area coperta. Con l’organizzazione dei flussi individuata in progetto si intende proteggere via Robertelli dalla ripercussione che le eventuali file di autoveicoli in attesa di ingresso al parcheggio possono provocare, grazie all’effetto di accumulo sulle due stradine ortogonali.
  5. INDIRIZZI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO Particolare cura dovrà essere assicurata, nella redazione del progetto definitivo, ai seguenti punti: 2.1. LA COPERTURA Il progetto della copertura del mercato dovrà prevedere:
  6. gli effetti di irraggiamento e di surriscaldamento per effetto serra;
  7. i fenomeni di riverbero acustico di decadimento dell'intellegibilità della parola;
  8. la modularità strutturale e formale in sintonia con le strutture sottostanti e gli spazi espositivi. 2.2. I LIVELLI INTERRATI L'organizzazione spaziale dovranno contenere chiare indicazioni e scelte progettuali per:
  9. la gestione delle acque meteoriche unitamente agli afflussi di permeazione delle acque di falda per spinta idrostatica;
  10. la definizione di volumi asserviti alla raccolta, alla differenziazione ed allo stoccaggio dei rifiuti in armonia con le esigenze di igiene e sicurezza antincendio delle autorimesse e di raccolta municipale in superficie, con collaudati sistemi di risalita dei contenitori e protezione dei passanti. 2.3. LA VIABILITÀ ED I PARCHEGGI Adeguati sistemi di segnalazione ed informazione agli automobilisti devono essere pianificati, definiti ed installati al fine di non determinare ripercussioni sulla viabilità esterna causa della ricerca di posteggio.
02 copia
Luca Coraggio

03 copia
Luca Coraggio
04 copia
Luca Coraggio
05 copia
Luca Coraggio
06 copia
Luca Coraggio
01 copia
Luca Coraggio
07 copia
Luca Coraggio
Rober grafici prog
Luca Coraggio